Immagine di un cane sottoposto al Test di Schirmer.

TEST DI SCHIRMER IN VETERINARIA

– COSA È
– COME FUNZIONA
– PATOLOGIE
– INVASIVITÀ
– QUANDO EFFETTUARLO

IL TEST DI SCHIRMER IN OCULISTICA VETERINARIA: COS'È E A COSA SERVE

Il test di Schirmer, o STT (Schirmer tear test), è un esame che viene effettuato in campo oculistico veterinario per valutare la quantità di lacrime prodotte dagli occhi degli animali. Questo test è particolarmente utile per diagnosticare alcune patologie oculari e per monitorare l’efficacia dei trattamenti prescritti.

Esistono due tipi di Test di Schirmer:

– STT I: misura lacrimazione basale e riflessa, senza l’utilizzo di anestetico; è il test che si esegue per i nostri pets.

– STT II: misura la lacrimazione basale , dopo l’applicazione di anestetico.

COME VIENE EFFETTUATO IL TEST DI SCHIRMER (STT I)

Il test di Schirmer prevede l’inserimento di una striscia di carta assorbente millimetrata sotto la palpebra inferiore dell’animale per un minuto. Il test misura la quantità di lacrime prodotte in un minuto che deve essere da 15 o maggiore di 15 mm/mm con variazioni di specie:

        Cane: da 18.64+-4.47  a 23.90+-5.12 mm/min

        Gatto: da 9 a 34 (18) mm/min

        Coniglio: da 4.85 a 7.58 +- 2.3 mm/min

        Cavallo: da20.6 +-6.5 a 24.8+-4.8 mm/min

CHE PATOLOGIE DIAGNOSTICA IL TEST DI SCHIRMER IN VETERINARIA

Il test di Schirmer può essere utilizzato per diagnosticare molte patologie oculari e valutare l’efficacia dopo la prescrizione di terapie lacrimostimolanti

Tra le patologie più comuni individuabili tramite Test di Shirmer si possono citare la sindrome dell’occhio secco (dry eye disease), la cheratocongiuntivite secca (KCS) e l’epifora.

IL TEST DI SCHIRMER VETERINARIO È INVASIVO?

Il test di Schirmer veterinario non è considerato un esame invasivo poiché non prevede l’utilizzo di aghi o altri strumenti che possano causare dolore all’animale. L’unica “invasività” è data dall’inserimento della striscia di carta sotto la palpebra inferiore, operazione generalmente ben tollerata dagli animali.

IN QUALI CASI SI CONSIGLIA DI EFFETTUARE IL TEST DI SCHIRMER

Il test di Schirmer viene eseguito sempre durante la visita oculistica, ma è particolarmente indicato nei casi in cui l’animale presenta sintomi oculari come secchezza degli occhi, produzione eccessiva di lacrime, secrezioni oculari e irritazione oculare.

Summary
Test di Schirmer in Oculistica Veterinaria
Article Name
Test di Schirmer in Oculistica Veterinaria
Description
Cosa è il Test di Schirmer Veterinario, come funziona, quali patologie diagnostica, quanto è invasivo e quando effettuarlo.
Author
Publisher Name
SeeVet
Publisher Logo
Torna in alto
Torna su
PRENOTA UNA VISITA